la solitudine dei numeri primi

2 03 2010

sta volando incredibilmente questo libro. sarò banale nell’analisi, ma mi piacciono i libri i cui capitoli si compongono di poche pagine, paiono essere racconti, infilati uno dietro l’altro, con il successivo che starebbe bene quasi a se stante, ma diventa appendice naturale e prosecuzione del precedente.

molto piacevole e intenso, semplice nella narrazione, eppure ricco di particolari e sensazioni che si assorbono con un facilità estrema. i tratti dei personaggi, le loro movenze, si materializzano immediatamente davanti agli occhi del lettore, facendoli diventare una compagnia nella stanza.

il dubbio se iniziarlo, se era in linea con il mio stato d’animo, è svanito immediatamente, dopo i primi due capitoli, dopo aver conosciuto i due protagonisti.