society

25 09 2009

oggi ho letto questo articolo e sono rimasto un po’ basito. ma neanche più di tanto.

interessante sarebbe vedere la reazione delle persone citate al suo interno, soprattutto quelle a cui vengono rivolte delle critiche, che poi non sono neanche più di tanto critiche, ma una rappresentazione del reale, di come stanno le cose e come le descriverebbe un marziano appena sbarcato in Italia.

chi l’ha scritto è un immigrato. ma avrebbero potuto scriverlo altre persone, catalogabili in diverse categorie sociali, ma che hanno ricevuto lo stesso trattamento.

negli ultimi anni la questione del fare, del far vedere realizzato qualcosa sta diventando sempre più importante, poco importa se è qualcosa che avrà risvolti negativi e a cui si è detto in passato “no” (centrali nucleari), oppure che ci si prenda meriti che sono di altri (prime casette ai terremotati), o che siano un filo in contraddizione (sfilare ad una marcia contro l’omofobia a fianco di teste rasate). l’importante è che qualcosa sia stato fatto. sempre meglio che non fare niente e continuare a blaterare. o a scrivere un libro di cui non si sentiva assolutamente la necessità. NOI. la si pensa così.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: