the wild bunch

9 06 2008

dei libri in genere mi fido. e da anni ormai quando leggo citazioni di altri libri, dischi o film, parto alla ricerca o me li metto in un angolino della memoria.

“il mucchio selvaggio” era citato ne “la banda Bellini” di Marco Philopat che lessi tempo fa, ed era descritto con un tale entusiasmo che… poi c’è da aggiungere che Il Turco era un vero appassionato di questo film: a me i western non fanno impazzire, e in più questo è lungo due ore e mezza, una bella mazzata se una roba non ti piace.

invece dopo un bel pomeriggio concluso con temporale e un freddo assurdo, mi sono infilato sotto la coperta e ho iniziato la visione. mi ha preso subito: è un film cattivo, lineare, non stanca (anche se io lo ero), ti tiene attaccato per vedere che succede. ho capito il perchè di tanto entusiasmo da parte di molte persone: sinceramente Peckinpah batte molte registi attualmente osannati. la cosa che più mi ha colpito è vedere del sangue in un western, cioè gran sparatorie con spreco di salsa di pomodoro, strano, perchè di solito nei film western hai questi tipi che crepano tra contorsioni, ma non si vede una goccia di sangue.

davvero memorabile la scena finale e il motivo che l’ha fatta nascere. un film che al di là delle scene, è carico di significati.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: