into the wild

10 03 2008

è raro, ma succede, che alcune storie ti entrino dentro, rimanendo attaccate a quello che sei, che hai pensato e magari in parte sperimentato.

a quanto pare di questa storia tutti ne hanno sentito parlare, pure il ragazzo alla cassa del cinema mi ha detto che è famosa, ma io non la conoscevo, e allora andiamo… è una storia che la puoi prendere in due modi: la prima è rifiutarla, dire che quello là era un pazzo e liquidarla così; la seconda è invece ascoltarla e cercare di capirla, per quanto possibile.

le camminate zaino in spalla, con pochi soldi in tasca, creano subito un’empatia con chi questo qualche volta nella sua vita l’ha fatto, anche se non come scelta di vita. il viaggio per viaggiare, per ritrovarsi e trovare gli altri. il rifiuto della società in quanto tale e le sue convenzioni. l’essenziale come stile di vita, il ritorno alla natura.

“into the wild” raccoglie tanti temi, il suo protagonista, reale, era un tizio davvero fuori da ogni schema, forse troppo giovane, a cui sono sfuggiti dei particolari che solo verso la fine vengono fuori. il tema della ricerca della felicità fatta di cose semplici, di natura, visto in prospettive diverse: quella solitaria di Chris, e quella degli hippies nelle sue diverse forme.

una storia estrema, a tratti felice, ma per la maggior parte del tempo fatta di tristezza a mio parere, con un’isolamento che la fa da padrone. questo isolamento e rifiuto della società è stata la cosa che più profondamente mi ha colpito: da viaggiatore solitario che spesso sono stato ciò che più ricordo con piacere sono, non i luoghi e gli eventi, ma le persone con cui mi sono fermato a parlare, siano essi uno studioso di lettere tunisino, un disoccupato bretone, dei camminatori olandesi, o una delle tante altre persone conosciute nel tempo anche solo per poche ore.

il calore che emana un incontro è forte e lo si sente nel film quando c’è, per il resto ho provato un grande senso di tristezza e di vuoto eccessivo che in parte può sicuramente essere positivo, ma quando diventa troppo resta vuoto e basta.

da vedere per riflettere.

Annunci

Azioni

Information

5 responses

10 03 2008
angelina

“La felicità è reale solo se è condivisa”.
Condivisione, ecco la parola ritrovata (è molto forte anche in un altro bellissimo film) da cui partono le mie riflessioni su questo racconto reale. E non solo.
Ed è vero che se condividi felicità, praticamente la raddoppi. Se condividi tristezza, ne elimini subito una buona metà. E l’altra la affronti diversamente.
Ce n’è sì da riflettere.

10 03 2008
l'oste Walter

a kili proprio…

11 03 2008
slaymer

…il ritorno alla natura

è proprio questa mancanza, tutto questo cemento e tutta la “condivisione societaria per skemi” ke questa epoca ci propina, fà si ke a volte la nostra natura “animale” si faccia sentire.
Aver lo sguardo ke si perde all’orizzonte non ha prezzo e dà quanto di piu si può immaginare per ki sa ankora “fermarsi e respirare”!

Io kombatto tutti i giorni con gli skemi, e negli ultimi anni mi hanno indebolito … e l’unika possibilità è un forte …il ritorno alla natura
come controrisposta.

Ero certo ke ti avrebbe lasciato con le sinapsi a rimuginare su immagini, pensieri e azioni del giovane Chris.

Avevo ragione no, ke era da andare a vedere??? ;P

p.s.: nel nostro pikkolo non perdiamo mai di vista l’orizzonte, anke se ci offuskano la vista quotidianamente … KOMBATTIAMO, L’ANIMO NON DEVE ESSERE ANK’ESSO CEMENTATO 😐

buenaVida all’Oste e all’Angelina
p.s.: altra kikka … da blockbuster noleggiati BANLIEUE13 !!! ViveLaFrance ;P

11 03 2008
l'oste walter

@ slay: ecc’aveviragione sì! ora voglio prendere anche il libro, prossimamente su questi schermi…

11 03 2008
slaymer

… anke a me era passata l’idea del libro, ma a me la primmmavera fà uno strano effetto e i libri passano in secondo, terzo … penultimo piano 😐

LIBERTE’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: