vinilico

26 11 2007

ieri pomeriggio ho comprato per la prima volta in vita mia un vinile di De Andrè. poi visto che il prezzo era ottimo e la conservazione perfetta, ne ho preso anche un secondo: volume 2 del live con la PFM e l’Indiano.

in questo mondo digitale a me fa un certo effetto comprare del vecchio e sano vinile nero. lo metti sul piatto, inizia a girare, abbassi la puntina, senti uno sfruscc leggero e via che parte il suono, qualunque sia. i microsolchi girano in una continua spirale, e riflettono la luce del lampadario in una linea bianca che li taglia. i titoli girano e fai fatica a leggerli mentre girano e cerchi l’inizio della nuova canzone.

nella piccola gioia di ieri anche rendersi conto che uno dei due obiettivi di completamento  di una discografia in vinile (Guccini, l’altra è quella dei Pink Floyd) è stata ultimata molto tempo fa senza che me ne ricordassi minimamente.

e allora si festeggia riascoltando pure “Americananti” degli spezzini Fallout.

vinilico, nero, caldo, rassicurante…

Bush pala nella mano

scava, scava becchino americano…

Annunci

Azioni

Information

2 responses

26 11 2007
Düsseldorfer

Ma usi il giradischi o il grammofono? 😀

26 11 2007
l'oste Walter

giradischi. il giradischi che leggeva anche i 78 giri si è rotto… aveva una cinquantina d’anni… 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: