Alexanderplatz, auf-wiedersen

30 04 2007

quando abbiamo dovuto scegliere dove andare a dormire, la scelta è capitata lì, in Mollstrasse, dietro questa famosa piazza. quando siamo arrivati c’era il sole, e il sole è rimasto per tutto il tempo della nostra permanenza. quando siamo arrivati c’era poco traffico e i giorni successivi ce n’era un po’ di più, ma non così tanto. quando siamo arrivati c’era tanta gente per le strade, a piedi, in bici, in skate, e c’era sempre, a qualsiasi ora, di qualsiasi età, ceto sociale, condizione, religione, sesso, abito. quando siamo arrivati abbiamo iniziato a camminare e ci siamo fermati solo alla fine. quando siamo arrivati abbiamo scoperto che una birra media a Berlino costa come (o anche meno a volte) di una piccola a Milano.

erano anni che ci si voleva andare, insieme come nell’inter-rail tra Scozia e Irlanda, che sono passati, cosa sono? otto anni…

a chi mi chiede in questi giorni come sia Berlino, rispondo con un “mi è piaciuta, ci voglio tornare”, che dice tutto e dice niente. perchè ci devi andare e poi decidi se ti piace e se ci vuoi tornare, oppure se ti è bastato quanto hai visto. a me non è bastato. non mi è bastata la parte est (quella ovest invece sì), che è quella alla fin fine più ricca di cose interessanti, con tante piccole perle nascoste in strade sperdute. scoprire l’ultimo giorno alcuni angoli e alcuni personaggi che popolano l’est è stata una piccola esperienza che ha alimentato questa voglia di ritorno. come il non essere riusciti a passare in alcune case occupate diventate come per magia laboratori e gallerie d’arte.

ho trovato tutto, ma proprio tutto, sono stato bene, mi sono sentito come non mai ben inserito nel contesto, che è un contesto in cui puoi girare in giacca e cravatta, così come avere una pelle cadaverica e capelli azzurri, che nessuno ti dice nulla, vivi e lascia vivere. sarà l’oppressione, sarà non so che, ma si respira aria di libertà: e non quella libertà buonista e cogliona di stranieri che comprano pezzi del muro abbattuto, e neanche quella di chi per vivere in maniera alternativa deve sfasciare tutto tanto poi ha le chiappe coperte, ma un’altra libertà, quella di un popolo che per colpa di qualcuno ha pagato e moralmente continua a pagare tanto. l’impressione di qualcosa che vive, davvero, che si muove, a ritmi lenti, tranquilli, consapevoli, ma continui: prova ne sono i tanti grandi cantieri aperti così come i piccoli laboratori che sopravvivono con logiche che credo molti farebbero fatica a concepire.

Prosit.

Annunci

Azioni

Information

10 responses

30 04 2007
slaymer

gente per le strade, a piedi, in bici, in skate, e c’era sempre, a qualsiasi ora, di qualsiasi età, ceto sociale, condizione, religione, sesso, abito. …CULTURA!!!

si si …ero stato con i miei tanti anni fà da quelle parti, non proprio a Berlino, ma Germania e dintorni …e ricordo proprio un’altro vivere, piu vivi e lascia vivere quasi a sapere di essere in una comunità, accettare le diversità, così come “le diversità” accettano il fatto di vivere in comunità!!!

Cmq dimmi un posto dove non si usa l’auto e io arrivo 🙂
p.s.: è da un mese che vivo senza auto …neanche piu l’assicurazione gli faccio!!! uno di questi giorni la uso per saltarci sopra con la bici 😛

BuenaVidaZ

30 04 2007
slaymer

😦 … non ho chiuso il tag ah ah !!!!

1 05 2007
Annarella

Nell’ultimo pezzo hai elencato tutte le cose che amo della Germania 🙂
Bentornato Walter!

1 05 2007
coneja

Ciao Oste, bentornato!
Com’era Berlino? 😉

2 05 2007
Pea

oh bentornato oste! sono contenta che ti sia sentito bene, anche una mia amica è rimasta affascinata da Berlino e a sentire te pare ovvio!

allora la annovero tra le mete dei prossimi viaggi….

eh si, dovrei proprio imparare a dire no…anche se non è facile, ma devo farcela!!

danke…a presto!

2 05 2007
angelina

Bentornato, anche se mi pare di capire che non vedi l’ora di ritornarci, eh?
Un abbraccio

2 05 2007
slaymer

…mi permetto di darVi un piccolo consiglio per la dichiarazione dei redditi 07

BuenaVida!!!

2 05 2007
slaymer

…mi permetto di darVi un piccolo consiglio per la dichiarazione dei redditi 07

BuenaVida!!!

2 05 2007
Düsseldorfer

Contrariamente ai luoghi comuni, la Germania è una meraviglia di paese, una meraviglia per le sue città e per la sua gente! …ecco perché ci vivo! 😀

3 05 2007
slaymer

@OSTE “libri”: … a proposito!!! Stasera mi mancano le ultime 30pagine de “IL CACCIATORE DI AQUILONI” … e devo dire che è stata davvero una bella ed interessante lettura!!! Ormai dato che 2libri su 2 mi sono straPaciuti …e io sono di gusti particolari, tienimi informato delle tue prossime letture …che io traggo ispirazione!!! 😉 ah ah
BuenaVidaZ!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: