cento luci

14 12 2006

alla fine la scelta ieri sera è arrivata all’ultimo momento. le due opzione erano: la prima andare all’ultima lezione del corso di ginnastica posturale, che era l’ultima e mi spiaceva non andarci; la seconda era andare a camminare lungo il Naviglio con quelli dell’Academia Peregrini, la camminata tradizionale che fanno nella sera di S. Lucia, si fanno 3-4 km, ieri erano 3, ci si ferma in una chiesa per la compieta, ci si mangia una fetta di panettone in compagnia e si torna indietro.

in realtà non avevo voglia di nulla, la giornata di ieri passata con un paio di grosse delusioni, che mi hanno fatto allungare lo scroto fino a rasentare terra. ero deciso per la prima opzione, ma stavo tornando a casa tardi, avevo fame e ho deciso che avrei mangiato troppo per la ginnastica, così ho deciso per la camminata.

il ritrovo di fronte alla collegiata di Bernate, lungo il Naviglio. la mamma del Ricky che distribuisce le candele, che l’alzaia non è illuminata e poi le cento luci sono proprio riferite alle candele che si portano e che formano una bella coreografia. c’erano circa 200 persone, alcune che non ti aspettavi, e cosa bella anche un gruppo di lavoratori musulmani che hanno chiesto di partecipare per stare con gente del posto: la richiesta è stata accolta, qui è tutta gente che pensa solo a camminare, mangiare e bere.

la chiesina di Castelletto era piena, bella: cosa strana, nella chiesina c’è una foto del crocefisso che si trova a Furelos, prima di Melide, una delle ultime tappe del Cammino reale francese verso Santiago de Compostela. quella foto la vidi la prima volta dopo essere tornato dal Cammino due anni fa, quest’anno la rivedo per la seconda volta dopo essere andato per la seconda volta a Santiago proprio quest’anno. coincidenza. piacevole coincidenza.

dopo la compieta, tutti a mangiarsi il panettone. a me non piace a meno che non sia con un chilo di mascarpone, quindi mi affianco all’Angelina che lo sta affettando per i camminanti, si unisce a noi pure mia mamma. c’è un po’ di caos ora nella bella sala del chiostro, che hanno restaurato in modo splendido e che vedo per la prima volta.

la gente riparte, in una decina di persone restiamo a dare una ripulita, Tino si finisce la bottiglia di grappa (era quasi vuota eh…); la mascotte dell’Academia, l’Alby, una decina d’anni e un Cammino alle spalle di già ce lo teniamo sul lato interno della strada, mica che faccia la fine di quel ragazzino cascato nel fosso l’anno scorso, non si lascia attrarre dagli onori della cronaca, a finire nel Naviglio in piena non ci tiene.

sarà stata la giornata strana, o i discorsi del Fabio di lunedì, però ieri ho camminato diversamente: il freddo che si sentiva alla partenza, già verso il ponte di Castelletto era sparito, le mani scoperte, un mezzo guanto a me, un altro mezzo guanto a mia mamma, erano calde, l’unica parte fredda solo le orecchie, ma stranamente non come di solito, molto sopportabile. mi viene in mente quel passo di un libro che parlava di camminare per riscaldarsi, l’avevo già testato, sudando, ieri invece mi pareva di essere una stufa ambulante.

a parte una persona che avrei volentieri fatto a meno di vedere, una serata particolare, camminare praticamente al buio, mi ha ricordato anche la sera alla mostra “dialogo nel buio”, all’Istituto dei Ciechi, unico orientamento le piccole luci davanti.

la scelta è andata bene anche se la giornata e il mal di pancia non hanno aiutato granchè…

comunque, l’anno prossimo a S. Lucia so cosa fare.

Annunci

Azioni

Information

8 responses

14 12 2006
angelina

Come sempre, non ho nemmeno provato a convincerti. Sai che non lo farei mai, per niente. Io propongo, tu decidi e viceversa. Sono stata contenta della tua decisione e soprattutto del fatto che ti sia piaciuto. Non avevo dubbi in proposito.
Un diabolico abbraccio 😉

14 12 2006
grisbi

quindi passata santa Lucia siamo gia’ in direzione estate, giusto????

14 12 2006
l'oste walter

@ angelina: potremmo chiamarti diavolina… come quella che accende i barbecue! 😉

@ grisbì: TU sei in direzione estate, nell’altro emisfero… io mi sto surgelando l’alluce! 😉

14 12 2006
sonia

Grazie per aver soddisfatto la mia curiosità…
Belle queste camminate…ma faceva cosi tanto freddo? Qui no :O)

14 12 2006
Pea

ecco quali erano le due opzioni! dev’essere stato proprio bello, sui Navigli con tutte le luci…io purtroppo (sempre per il già citato fisico da ottantenne) dopo 10 secondi di camminata ho mal di schiena….puoi immaginare che palle visto che va avanti così da quando ho…vediamo….15 o 16 anni credo. e nessuno è riuscito a farci ancora nulla!

mal di chiappe no, mica scema cado sui tappetoni!
ha ha ha, che simpatico che sei!!! ;o)

buona giornata!

14 12 2006
mad riot

Hai fatto la scelta migliore, senza dubbio!

15 12 2006
Stella

Anche io ieri sera ero sui navigli…

Che storia, com’è piccolo il mondo.

15 12 2006
l'oste Walter

@ sonia: no, camminare scalda in maniera incredibile; nonostante il freddo, alla fine avevo le mani bollenti nonostante non avessi i guanti!

@ pea: sì, era molto scenografico; l’unica pecca è che dietro alle anse si perdeva la vista di parte del serpentone…

@ mad riot: massì, massì 😉

@ stella: era anche tu nel gruppone o sui navigli a Milano città?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: