gli inventori delle malattie

21 11 2006

Preferisco essere ignorante (che non vuol essere necessariamente “non
intelligente”) e sai perchè?
Così avrò sempre qualcosa da imparare

a chi mi ha scritto questa cosa non posso altro che dire che secondo me è sulla strada della saggezza. aggiungo solo che quando si impara è doveroso diffondere ed insegnare.

pensavo che non c’entrasse nulla, ma a questo punto c’entra bene. un libro, “gli inventori di malattie (come ci hanno convinti di essere malati)”, da qualche tempo finito di leggere e non ancora commentato, fa proprio al caso. è un saggio, scritto da Jorg Blech, affronta il mercato delle malattie tedesco con casi anche americani. potrà sembrare lontano da noi, ma la realtà è che l’industria farmaceutica applica le medesime strategie in ogni angolo di mondo. tutto inizia da una visione distorta di un medico senza clienti, che faceva di tutto per procurarsene: il rapporto medico-paziente è un rapporto di fiducia, con una forte asimmetria informativa(*)  a tutto favore del medico; se il medico abusa di ciò riesce letteralmente a soggiogare la sua controparte, a fidelizzarla come consumatore dei suoi servizi, e non più ad essere al suo servizio, ma al servizio di qualcos’altro, che siano soldi guadagnati con il contributo di terze parti, oppure di un ego che si deve continuamente alimentare per essere soddisfatto.

i nostri vecchi quando dovevano prendere delle medicine erano sempre scettici e dicevano “chel c’al fa ben da una part, al fa mal da che l’oltra” (quello che fa bene da una parte, fa male da un’altra), a definire gli effetti collaterali che spesso vengono tenuti nascosti. senza troppi scrupoli si testano su persone sane (preferibilmente con difficoltà economiche) medicinali inutili. si inventano letteralmente nuove malattie, senza sintomi precisi, senza test che dicano “sì sei malato, no, non lo sei”.

è un viaggio nel mondo di alcuni malanni, probabilità che forse mai si realizzeranno, una fonte di informazione utile, non certamente esaustiva, ma che a persone attente può far scattare la giusta molla di riflessione e di comportamento conseguente.

Jorg Blech
Gli inventori delle malattie
edizioni Lindau
per info

Annunci

Azioni

Information

19 responses

21 11 2006
slaymer

io ne ho un esempio vivente, la mia padrona di casa, Veneta di 80anni che và si dal medico, però non prende tutte le “porcherie” che gli dà … sai la sua vitalità è tre volte la mia e sempre lì a curarsi il giardinetto di casa e spesso le dò una mano nelle “faccende” della bicocca, anche perchè dall’ultima volta che l’ho vista sul tetto di casa … ho pensato bene di dirle di chiamarmi per certi lavoretti :o) … e poi non avendo piu nonne (perse tutte in giovane età!) devo dire che l’ho adottata come la mia “nonnetta cool” … :o)

BuenaVida
p.s.: l’hai presa la pastiglia per la pressione per il traffico di Milano????

21 11 2006
coneja

Slay, ma chi hai per padrona di casa, nonna Abelarda, che si arrampica sui tetti? 😀

Oste: il mio medico è ancora vecchio stampo, per farmi dare le pasticchette per la tiroide di cui avevo proprio bisogno (stavo male da 6 mesi e avevo i valori tutti sballati da almeno 6 anni!), m’ha spedito dalla specialista, perché lui non si fidava a prescrivermele!

21 11 2006
Angelina

Senza saperlo ho fatto da “cavia” per un antistaminico che stavano testando anni fa. E’ stato bello scoprire, nel tempo, che l’hanno ritirato poichè gli effetti collaterali erano superiori ai benefici. Rassicurante. Mi chiedo ancora se il medico (di base) che me l’ha prescritto non avesse l’obbligo di informarmi e di propormi qualcosa di alternativo, magari più sicuro.
Meno male che sono il tipo di persona “allergica” ai medicinali, cui ricorro solo se assolutamente costretta (e mi dimentico pure i salvavita!).
Sono troppo zen 😉

21 11 2006
l'oste walter

@ slaymer: grande sta nonna! oggi stranamente non ne avevo bisogno della pastiglia anti-traffico… ieri sera sì, ma ero abbastanza rimbambito dal lavoro 😉

@ coneja: anche il mio… pensa che poi mi chiede pure se un farmaco ha funzionato con me oppure no e se mi ha dato problemi…

@ angelina: ah, ecco perchè sei così… ma allora potevi continuare a prendene!!! 😀

21 11 2006
slaymer

@CONEJA e OSTE: : …lo sò lo sò …ora è da un paio di anni che non ha piu voglia di sbattersi a farlo, ma fino a un pò di tempo fà, dal pergolato sotto casa faceva il “fragolino” (…che però lei non ama moltissimo!!! se per questo neanch’io!!) ..comunque si metteva a farlo lei :o)
L’orticello lo tiene neanche fossimo in Svizzera … eh eh!!!

..magari fossimo in SvizzerA!!! magari …

..magari!!!

21 11 2006
Pea

grazie al cielo io ho avuto un grande pediatra che ha istruito bene mia madre, il mio dottore di adesso lo vedo di rado e quasi sempre per tracheiti o simili (a parte ora che sono anemica…)
chi ho visto decisamente più spesso era il mio fisioterapista per ovvie ragioni…solo che mia amdre pensa che io ci vada ad ogni unghia spezzata ma ormai dopo anni e anni di attività so riconoscere ogni mio malanno (di fatti ho i due polsi e una caviglia a pezzi ma non ci vado perchè so che sarebbe inutile…)

però ammetto che uso facilmente l’aulin…ma di solito solo in concomitanza di tendiniti o roba dolorosa che dura…è già un po’ che non ne prendo (si potrebbe considerare accanimento terapeutico?)…..ah beh e ovviamente il plasil per i postumi 😉

21 11 2006
l'oste Walter

@ slaymer: che ti è preso con la Svizzera??? thc disponibile forse? 😉

@ pea: eh eh eh… il plasil… per i postumi… eh eh eh… quali postumi? ci dica, ci dica, in verità, ci dica… 😉

21 11 2006
Angelina

Ehi, Oste della malora, “così” come???

21 11 2006
slaymer

no … “soprattutto” cose che funzionano !!!

io è da un paio di annetti che sono rientrato con “pianta stabile” in Italia (ormai diventata “Itaglia”) … e cmq i miei progetti mi porteranno da qui ai prossimi 7/10anni a espatriare del tutto!!!
E mentre prima valutavo l’idea “classica” di luoghi latini e caldi, ora ho molto piu voglia di luoghi al Nord o della France!!!

va beh! va beh! non sto a tediarti con queste cose …. ma cos’è il THC?!? ah ah ah ah .. bum, buM!! :O) ..ewwiwa la dopamina!!!

21 11 2006
Pea

postumi del Cenone di Natale…sai alle volte capita di avere delle ricadute durante l’anno….più che altro durante i we…chissà perchè…..missshhteri della vita!

22 11 2006
ricambi originali

Sullo stesso argomento, Farma&Co (appena uscito Saggiatore), BigPharma (Einaudi), un po’ più vecchio un gran libro di Marco Bobbio “Giuro di Esercitare la medicina in libertà e indipendenza” (Einaudi), e uno brevissimo: Farmaci di Stefano Cagliano (Mulino). Per esempio, alzi la mano chi non ha mai preso l’enterogermina…

22 11 2006
l'oste Walter

@ angelina: ma così splendida ovvio! che pensavi? 😦

@ slaymer: francia, francia, francia…. aaahh…

@ pea: eh, sono mali di stagione… o di settimana, chissà… 😀

@ ricambi originali: ma buongiorno sig. ricambi, che piacere rivederla! io, io, io, mai presa l’enterogermina! ho vinto qualcheccosa??? 😉 me li segno questi titoli, così magari approfondisco l’argomento, che è sicuramente interessante.

22 11 2006
Beppone

Ho letto una volta che in Svizzera ci sono circa 300 farmaci ed in Italia qualcosa come 42000 se non erro..
Ed in altro articolo che i familiari dei medici prendono un terzo delle medicine/esami che i medici prescrivono ai loro pazienti.
Ergo?
😦

22 11 2006
Pier

Io sono sempre stato un appassionato di medicina ma… non di medicine! 🙂
Purtroppo con i ritmi stressanti della vita di adesso, a volte certe malattie ce le “inventiamo” anche noi…

22 11 2006
sonia

è tutto un magna magna…sulla salute poi si accaniscono!

22 11 2006
slaymer

d’accordo su Francia .. vive la france !!

22 11 2006
slaymer

…dove tra l’altro vado a comprarmi le aspirine e altri medicinali, essendo relativamente vicino e ad un tiro di “schioppo” da casina in montagna!

Vive La France!!!

24 11 2006
ricambi originali

Signor Oste, se non ha preso l’enterogermina avra’ preso qualche altro intruglio di fermenti… 😉 la cui efficacia è molto dubbia.
Da queste parti http://www.e-laser.org trovate altre info su queste cose.

24 11 2006
l'oste walter

@ Beppone: ergo ci stanno pigghiando pu ‘u…

@ Pier: credo che la vita ne abbia create di nuove… lo stress… ma si può chiamare una malattia così? (…)

@ Sonia: magna che ti rimagna non rimane più nulla… 😦

@ Slaymer: interessante notare come una pomata antinfiammatoria in italia costa quasi 5 euro, in francia (comprata per caso di necessità) meno di 3… dai, Zidane for president che tira testate a tutti! 😉

@ ricambi: cavoli, mi hai sgamato 😀 eh sì, in effetti ti confermo che non ho mai notato ‘sti grandi effetti. grazie per il link, ho dato un’occhiata, è interessante…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: